La Royal Society premia le più belle foto scientifiche del 2017 Idee

La Royal Society ha annunciato i vincitori della Publishing Photography Competition, che premia le migliori fotografie scientifiche. Il concorso si svolge ogni anno e invita scienziati e ricercatori appassionati di fotografia a inviare immagini ispirate dal loro lavoro o dall’ambiente naturale. L’edizione 2017 ha segnato un record: le immagini inviate sono state ben 1.100. Tutte così belle che, ha spiegato la Royal Society, scegliere le migliori è stato un compito difficile per la giuria.

La foto vincitrice è “Icy sugar cubes” di Peter Convey, una foto aerea che permette di cogliere la strana disposizione e avere un’idea delle dimensioni dei ghiacci dell’Antartico (la foto in apertura). La giuria ha poi decretato i primi classificati delle singole categorie in concorso, ovvero Astronomia, Comportamento, Scienze della Terra e Climatologia, Ecologia e Scienze ambientali, Immagini al microscopio.

Vale la pena vederle tutte, queste foto, perché “che si tratti della violenta eruzione di un vulcano, di un pensoso orso polare o della complessità di una ragnatela, in queste splendide immagini scoprirete qualcosa di nuovo”.

Ecco alcune delle immagini che mi hanno colpito di più. Tutte le foto sono visibili sul sito della Royal Society.

Respiro royal society foto


Questa foto, intitolata “Respiro”, è la prima classificata della categoria Comportamento. Invita a riflettere sul riscaldamento globale.

olive oil drop royal society foto


L’immagine “Olive oil drop family hanging together” è la vincitrice della categoria Immagini al microscopio. La foto trae ispirazione dalle goccioline di micro-colla prodotte dal ragno Nephila Madagascariensis per intrappolare le sue prede.

peles fire royal society foto


Menzione d’onore per la foto “Pele’s fire” nella categoria Scienze della Terra e climatologia. Ritrae da vicinissimo l’eruzione del vulcano Kilauea nelle isole Hawaii.

rane royal society foto


Menzione d’onore per la foto “The rainy season, the green tree frog and the maintenance of life” nella categoria Ecologia e Scienze ambientali. Nel deserto brasiliano Caatinga le raganelle Phyllomedusa nordestina lottano contro la siccità e aspettano la breve stagione delle piogge per riprodursi.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *